Green open access significa depositare ad accesso aperto, senza alcun costo, un contributo scientifico nella migliore tra le versioni (pre-print, post-print o pdf editoriale) consentite dall’editore, in archivi istituzionali o disciplinari (autoarchiviazione), pur continuando a pubblicare “tradizionalmente”, cioè su riviste vendute in abbonamento.

Sherpa Romeo è il servizio online che raccoglie le open access policies delle riviste e include le condizioni di autoarchiviazione stabilite dagli editori di oltre 22.000 titoli peer reviewed.
User guide di Sherpa Romeo

La gran parte delle università e degli enti di ricerca è dotata di una propria policy di indirizzo per l’accesso aperto e di un archivio istituzionale. I dati degli archivi istituzionali, indicizzati dai principali motori di ricerca, contribuiscono ad incrementare la visibilità degli autori e delle loro pubblicazioni.

L’Università degli studi di Perugia ha adottato nel 2015 delle “Linee strategiche in materia di Open Access” e una “Licenza di deposito in Iris”, modificate a ottobre 2021 (Vai ai documenti) e in Iris Res&Arch, l'archivio istituzionale della produzione scientifica dell’Ateneo, è possibile depositare ad accesso aperto (Green open access).

Al fine di supportare autori e k-users nel processo di autoarchiviazione in IRIS, sono state elaborate le
Linee guida per il deposito degli allegati nel catalogo IRIS

Le linee guida sono state approvate dal C-At (Comitato di Ateneo per la VQR, istituito con delibera del Senato Accademico – O.d.G. n. 6 del 25 marzo 2020) nella seduta del 15 febbraio 2021 e riportano indicazioni e link utili a strumenti di verifica, come Sherpa Romeo e DOAJ, e a pagine di approfondimento, ad esempio sul pubblico dominio o sulle licenze Creative Commons.

Per informazioni e supporto scrivi ai bibliotecari all’indirizzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.